Marzo: 2019
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Articoli marcati con tag ‘d star’

Quando scrivo un articolo di solito tendo sempre a non dare per scontato quello che vado a descrivere, per questo motivo farò 2 accenni ai prodotti a cui faccio riferimento, e successivamente come abbinarli correttamente fra loro.


DATAPLICITY

E’ un comodo servizio che è in grado di fornirvi accesso al vostro pc/server/raspberry, con sistema operativo gnu/linux, anche se questi sono collegati dietro una rete che non vi fornisce un ip pubblico, quindi quando il dispositivo è dietro una rete non raggiungibile direttamente dall’esterno (es. connessione tramite 3g, o wisp che non forniscono ip pubblico).
Dopo essersi registrati viene fornito uno script python con un token univoco che, una volta lanciato sul dispositivo, installerà il necessario per il funzionamento e, in fine, vi fornirà accesso alla porta 22 SSH e 80 HTTP tramite un tunnel gestibile direttamente dal vostro browser collegandosi alla loro interfaccia web (è disponibile anche un app per ios/Microsoft Store/android).
il primo dispositivo è gratuito, mentre per gli altri dovrete pagare un abbonamento.

PI-STAR

Inutile dilungarsi troppo su questo prodotto noto a tutti i radioamatori, attualmente è lo “standard de facto” per gestire modem e gateway digitali radioamatoriali (hotspot o ripetitori), il tutto comodamente da interfaccia web leggera e veloce.


Fatte le dovute premesse, passiamo al “problema”.
Come molti di voi avranno avuto modo di valutare, PI-STAR è in grado di mantenere la propria “solidità” e garantire all’utente un funzionamento “out-of-the-box” grazie al proprio “recinto” costruito attorno al sistema operativo; vale a dire che, pur essendo un sistema operativo basato su raspbian (debian per raspberry), e pur mantenendone tutte le caratteristiche funzionali, gli sono stati creati di proposito dei vincoli da parte dello sviluppatore per evitare che un intervento sul sistema da un utente più smaliziato possa comprometterne il funzionamento e l’installazione dei futuri aggiornamenti che vengono periodicamente rilasciati.
Questi vincoli implicano, fra l’altro, filesystem in sola lettura di default, specifici permessi a file e directory, script che ad ogni riavvio ripristinano file all’interno di specifiche directory, e proprio su quest’ultimo punto mi soffermerò nelle prossime righe.

La prima volta che ho provato ad installare dataplicity su pi-star ho riscontrato una spiacevole anomalia, infatti il dispositivo restava raggiungibile solo fino a quando non si effettuava un riavvio del sistema, a quel punto non era più possibile in alcun modo ripristinarlo.
Non vi nego che, per mancanza di tempo e anche per un pizzico di pigrizia, inizialmente l’escamotage fu abbastanza bizzarro e insolito, ma di rapida soluzione, infatti per un periodo facevo disinstallare l’agent e reinstallarlo automaticamente ad ogni avvio del pi-star, ma questo comportava un ritardo notevole all’avvio del sistema e un deciso grado di complessità che non giovava certamente alla stabilità, ma successivamente ho indagato dando una rapida occhiata ai log e su cosa accadeva al PI-STAR durante il riavvio.
La conclusione è stata fortunatamente molto semplice, il servizio di dataplicity che fornisce il tunnel chiamato supervisor, genera i suoi file di log di default in /var/log/dataplicity , tutto normale direte, se non fosse che pi-star ad ogni riavvio si prende il disturbo di eliminate dai log tutto quello che non fa parte del suo default, fra cui anche la directory in questione, e ovviamente supervisor non riusciva più a partire non trovando più il percorso dei log.
Fortnatamente il servizio supervisor prevede un file di configurazione che trovate in /etc/supervisor/supervisord.conf

Aprendolo vi troverete un file simile a questo, e come potete notare dalle righe evidenziate, ho modificato il percorso su cui il servizio va a scrivere i log /var/log/dataplicity/supervisord.log semplicemente eliminando la directory dataplicity e facendo scrivere i suoi log direttamente in /var/log

; supervisor config file

[unix_http_server]
file=/var/run/supervisor.sock ; (the path to the socket file)
chmod=0700 ; sockef file mode (default 0700)

[supervisord]
logfile=/var/log/supervisord.log ; (main log file;default $CWD/supervisord.log)
pidfile=/var/run/supervisord.pid ; (supervisord pidfile;default supervisord.pid)
childlogdir=/var/log ; (‘AUTO’ child log dir, default $TEMP)

; the below section must remain in the config file for RPC
; (supervisorctl/web interface) to work, additional interfaces may be
; added by defining them in separate rpcinterface: sections
[rpcinterface:supervisor]
supervisor.rpcinterface_factory = supervisor.rpcinterface:make_main_rpcinterface

[supervisorctl]
serverurl=unix:///var/run/supervisor.sock ; use a unix:// URL for a unix socket

; The [include] section can just contain the “files” setting. This
; setting can list multiple files (separated by whitespace or
; newlines). It can also contain wildcards. The filenames are
; interpreted as relative to this file. Included files *cannot*
; include files themselves.

[include]
files = /etc/supervisor/conf.d/*.conf

Una volta garantito un percorso valido per i log, tutto torna a funzionare regolarmente ad ogni riavvio.

Buona sperimentazione e al prossimo………”problema”

Stavo provando il nuovo RASPBERRY PI 3B+, la nuova versione con il SOC in metallo, poche (e inutili)le migliorie rispetto a classico 3B in verità!
in pratica 200Mhz di clock in più (ne avevamo sul serio bisogno?), LAN GIGABIT (finta, è sempre su bus USB2 e oltre 300Mbit non si va!), POE (si bello…..ma solo con accessorio opzionale!); io onestamente avrei barattato tutte le nuove caratteristiche con un bel GB di ram in più, ma niente!
Comunque vado a collegarci una delle mie fide MMDVM_POG ed ecco l’amara sorpresa……il raspberry non da alcun cenno di boot, o segno di vita a monitor, in pratica solo led rosso acceso!
Inizialmente ho pensato a una sd corrotta o che fosse l’immagine di PI-STAR beta a creare il problema, ma poi ho provato a rimuovere la MMDVM_POG dalla GPIO ed ecco che per magia si avvia correttamente! Bene………non resta che indagare allora!
Faccio una prolunga fra la GPIO e il connettore della POG, e provo a scollegare un pin alla volta (tranne ovviamente +5 GND TX RX) ed ecco la sorpresa………3V3……….si i 3,3Volt se connessi fra la POG e la GPIO bloccano l’avvio della scheda!

 


Per ora il consiglio che posso darvi e di dissaldare o comunque scollegare quel pin se volete che funzioni anche sulla 3B+, ma nel frattempo indagherò ulteriormente, se dovessi avere ulteriori info le aggiungerò a questo articolo!

STAY TUNED!

DUTCH STAR

MINI HOT-SPOT DUTCH STAR

Oggi ho finalmente ricevuto la tanto desiderata interfaccia DUTCH STAR MINI HOT SPOT nella sua ultima revisione hardware e software.
Per chi non sapesse di cosa si tratta, abbiamo avanti una completa soluzione D-STAR da interfacciare a una comunissima radio analogica VHF/UHF e ad un banalissimo PC.
Come si nota dalla foto, è di ottima fattura, comprende un pic con il firmware di gestione della scheda stessa, un convertitore MAXIM USB<>RS232, e per ultimo, ma non per importanza, il modulatore GMSK CMX589AD2, il cuore del sistema D-STAR!

 

Il modulo viene fornito di una manualistica in lingua inglese molto accurato, e con un foglio di licenza, infatti il codice sorgente del PIC on board non è open, tuttavia la licenza è cedibille in caso di vendita (infatti viene assegnata al nominativo dell’acquirente), e si ha un anno dal momento del download e dell’attivazione della licenza per scaricarsi aggiornamenti gratuiti del firmware, dopo si potranno acquistare separatamente.

E’ possibile utilizzarla per fare un repeater standalone, collegando 2 radio e lasciando al pic il compito di commutare e decifrare, oppure con l’ausilio di un pc e con una sola radio per realizzare un hot spot gateway connesso su internet.

I software utilizzabili per taratura e test dell’apparecchio sono disponibili sia per windows che per linux, e per entrambi in architettura 32 e 64 bit, è comunque compatibile con tutti i software funzionanti con la scheda SATOSHI da cui il progetto prende spunto.

Al momento ho effettuato solo i test di echo e di taratura avvalendomi di un RTX ICOM IC-706MK2g connesso alla dutch star e un ICOM IC-E92D come radio D-STAR; le operazioni di taratura hanno comportato non pochi problemi, infatti i livelli di ricezione e trasmissione sono molto delicati e variano da radio a radio, prima di sentire della voce uscire dalla radio e non un fastidioso fruscio ci vorranno tante micro tarature ai trimmer dei livelli sulla board.

Prossimamente proverò un server linux connesso ad internet tramite una internet key in altura per iniziare a testarlo realmente sul campo!

Per qualsiasi domanda contattatemi pure usando l’apposito FORM!

Per acquistare la scheda il link è http://www.dutch-star.eu/

STAY TUNED!

VIDEO TEST ECHO DUTCH STAR